Giornata Mondiale del Libro: lettori di tutto il mondo, unitevi!

Il 23 Aprile in tutto il mondo si festeggia la giornata del libro e del diritto d’autore, stabilita dall’UNESCO a partire dal 1996. L’idea di una giornata per celebrare la passione della lettura pare sia nata da un’usanza catalana. Infatti in Catalogna ogni anno, dal 1926, si usa celebrare il patrono di Barcellona in quella che è  detta la «Festa delle rose», poiché per ogni libro venduto quel giorno i librai sono soliti regalare una rosa, simbolo di San Giorgio, che cade anch’esso il 23 Aprile. Ma non si tratta di un’iniziativa delle singole librerie: la Festa di San Jordi è un vero e proprio San Valentino in cui gli innamorati regalano una rosa alle loro donne, mentre queste ricambiano con un libro. La scelta della data è dovuta inoltre alla coincidenza della morte di tre celebri scrittori, avvenuta nel 1616: Shakespeare, Cervantes e Garcilaso de la Vega.

Come in tutto il mondo anche in Italia, in concomitanza della giornata del libro, vengono organizzate svariate iniziative atte a celebrare l’evento: l’idea è quella di onorare ciò che è più di un semplice oggetto, è un mezzo di comunicazione potentissimo in grado di far crescere, divertire, sognare, imparare.

Abbiamo già parlato, ad esempio, dell’Italian Book Challenge: una sfida tra lettori a cui hanno aderito librerie in tutta Italia e che vedrà la sua conclusione solo a giugno (se volete partecipare, siete ancora in tempo!). Un progetto che nasce per coinvolgere i lettori e rivalutare i librai indipendenti, aggiungendo l’adrenalina della sfida alla devozione alla lettura.

Rassegna partita il 14 Aprile è invece la Fiera delle Parole. Una serie di conferenze e spettacoli legati alle opere letterarie contemporanee e non, sui temi più disparati, si terranno in varie giornate e nei più pittoreschi palazzi del padovano. Nonostante il taglio dei fondi e il tentativo da parte del sindaco di Padova di far naufragare l’iniziativa, essa è riuscita a restare a galla, addirittura ampliando il suo raggio d’azione. Infatti gli eventi si svolgeranno a Padova, a Este e nella Riviera del Brenta, mentre l’ultima tappa della Fiera è attesa per Settembre.

Il Maggio dei Libri.
Dal sito del Maggio dei Libri.

Inoltre a Maggio, come ogni anno, si svolgerà Il Maggio dei Libri: una campagna nazionale che si prefigge di promuovere le manifestazioni legate alla lettura e ai libri su tutto il territorio italiano. Ogni ente o Regione che organizza un evento, può iscriversi alla banca dati del Maggio dei Libri, in modo che chiunque possa trovare in un unico sito tutte le informazioni e tenersi così aggiornato sui vari progetti in corso in tutta Italia.

In concomitanza, dal 12 al 16 Maggio, a Torino riapre il Salone del libro, il cui tema per quest’anno sarà «Visioni». L’idea è quella di mettere in luce i progetti lungimiranti, visionari, in grado di guardare lontano e rispondere alle sfide del futuro permettendo ad un settore come quello editoriale di mostrare il suo lato pionieristico e innovativo.

Nei prossimi giorni ci occuperemo proprio dei libri tra passato e presente, del fascino che la  lettura ha esercitato sugli uomini da secoli e secoli e delle tecnologie che ancora si sviluppano per dar volti sempre nuovi a questa attività: domani l’intervista di Laura Ferla a un proprietario di una libreria di edizioni antiche ci illuminerà su questo ricercato settore del mercato e mercoledì l’articolo di Beatrice Forzan farà luce sul futuro dei libri, o meglio, sui libri del futuro.

Insomma, la volontà di continuare a tener vivo l’amore per i libri e per la lettura è sempre viva, come dimostrano le diverse idee portate avanti da enti, editori, librai e anche lettori, o meglio dire, prima di tutto lettori. Poiché quello che lega tutte queste persone è un buon libro che, nonostante tutti i new media, resta essenzialmente uno degli strumenti più potenti del mondo.

 

Ho 23 anni e studio lettere moderne, il grande amore della mia vita sono i libri, credo che leggere sia indispensabile per formarsi un pensiero critico indipendente. Per questo ho deciso di far parte di Incipit. Scrivo anche per neun.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *