Capire gli estremismi prima di condannarli

A luglio L’Espresso vi ha dedicato un’inchiesta di copertina: l’estrema destra in Italia sta acquisendo nuovi consensi e sono molte le azioni violente (blitz, aggressioni, pestaggi) perpetrate ai danni di Ong, migranti, militanti di sinistra; per alcune di esse  i responsabili non sono stati ancora identificati, i bersagli invece sì: «sono gli stessi contro cui si scagliano i neofascisti», scrive Federico Marconi. 
E c’è poi la notizia di ieri: la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per «incitamento all’odio razziale» di diversi esponenti della sede di Forza Nuova di via Amulio: qui, secondo le carte, negli ultimi anni si sono insegnati a ragazzi minorenni «l’incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali e religiosi, nonché il ricorso alla violenza come mezzo di risoluzione delle controversie».
L’intolleranza e l’odio si diffondono anche in rete: come riportato dal nostro Davide Travaglini in questo articolo, «secondo lo studio Galassia Nera, ad oggi il panorama Facebook italiano conta all’incirca 3600 pagine di matrice politica di estrema destra o neofascista, con una media di apertura di 40-50 pagine ogni mese».

Ci siamo chiesti, dunque, quali siano le tematiche portanti dell’universo di estrema destra italiano e perché facciano presa nella popolazione: ce ne parla Felicity Zaccaria in Quali idee stanno alla base dell’estrema destra italiana?. A tal proposito Furio Colombo, intervistato da Matteo Maretto, afferma: «CasaPound o Forza Nuova non sono portatori di alcun valore. Non c’è alcuna idea in loro che non sia stata distrutta, vinta, spinta fuori dalla storia nel 1945. Tutto quello che rimane sono delle persone vuote di coscienza e conoscenza della storia che cercano di riempire se stesse con scorie del passato», individuando alcune cause del ritorno in auge di certe posizioni estremiste nell’isolamento e nella mancanza di rapporti sociali autentici, soprattutto tra i più giovani.
Elisa Santoro, in Autorità e conformismo: le ragioni psicologiche di nazismo e fascismi, si concentra su quali siano i meccanismi psicologici che agiscono nelle dinamiche di gruppo e portano a seguire dei leader, facendo sì che il singolo compia azioni che, da solo, forse non avrebbe il coraggio di fare.
Elisa Maruzzo ci parla invece delle donne dell’estrema destra e del loro impegno in tali movimenti, nei quali la donna è solo madre e nei quali tutti gli altri ruoli che le donne ricoprono nella società (e tutte le battaglie combattute affinché questo sia possibile) sembrano di colpo svanire.

Un conto sono le azioni violente, un conto sono le idee: e queste non possono essere bollate come «giuste» o «sbagliate», pena una «deleteria frattura nel tessuto della democrazia», scrive Tito Borsa in Il Ddl Fiano è antidemocratico: tutti hanno il diritto di esprimersi e, a proposito di censura, ci mostra l’inutilità di proibire «un saggio filosofico mediocre» come il il Mein Kampf di Hitler.
E non potevamo certo esimerci dal raccontare cosa sta succedendo in Europa: se pensiamo all’estremismo di destra negli altri Paesi, è probabile che ci venga in mente la realtà tedesca: Nicolò Andreotti analizza la storia, i cambiamenti e le cause del successo del partito AfD, «Alternativa per la Germania», che alle ultime elezioni ha ottenuto il 12.6% di consenso entrando nel Parlamento Tedesco con 94 seggi. Ma di certo non possiamo ignorare quelle «nuvole nere» che giungono da Est: ecco l’analisi, ad opera di Davide Travaglini, della situazione politica di nazioni come Slovacchia, Polonia, Ungheria e Romania, per capire ciò che sta avvenendo da anni attorno a noi. Se molte cause dell’avanzata di movimenti estremisti sembrano ricondursi ad un’ondata populista che sta raggiungendo l’Europa, è chiaro che, ancora una volta, una corretta informazione e uno studio della Storia ci possono evitare di esserne travolti.

 

In copertina: parte di un manifesto di Forza Nuova. 

Ho 23 anni, sono una studentessa di Linguistica, credo nella parità tra esseri umani e nel valore fondante della Cultura e dell’Arte per la nostra società. Ho creato e dirigo Incipit, scrivo anche per lavocechestecca.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *